Sito di San Gimignano, città del Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale dell'UNESCO


Menu

San Gimignano - Guida alla città - Casa di Santa fina

Casa di Santa fina, Patrona di San Gimignano

Da Piazza della Cisterna percorrendo via Del Castello, a circa 100 mt. sulla destra, un arco immette in un vicolo buio e ci consente di arrivare velocemente alla Casa di Santa Fina.
La giovanissima beata, dopo una lunga serie di sofferenze fisiche e morali accettate per amore di Cristo, assistita amorevolmente, dopo la morte della madre, dalla nutrice Beldie, passò molto tempo della sua breve vita immobilizzata su una tavola di legno nella cantina della sua povera casa; il luogo, ora trasformato i cappella, si può visitare ogni 12 marzo, festa della Santa.
Si dice che, poco prima della morte, San Gregorio le fosse apparso per predirle che le sue sofferenze terrene stavano per finire e che, dopo la sua dipartita, le campane delle chiese del paese si fossero messe a suonare mosse dagli angeli; fiori particolari, che oggi si chiamano "viole di Santa Fina", fiorirono sulle torri e sulle mura.
La fanciulla che non è mai stata dichiarata santa dalla chiesa, è davvero vissuta nella nostra città e, a distanza di secoli, è nel cuore e nelle preghiere dei sangimignanesi.